Spedizioni gratuite con ordine minimo di €80   -   Ritira gratuitamente presso i nostri store - 

La pausa caffè fa lavorare meglio: allevia lo stress e ci rende più produttivi.

Pubblicato:  28 March 2019
La pausa caffè fa lavorare meglio: allevia lo stress e ci rende più produttivi.

PAUSA CAFFÈ? SÌ, GRAZIE!

Le proprietà del caffè e gli effetti positivi della caffeina sul corpo e sulla mente sono ormai noti, ma ricordiamone alcuni:

- apporta energie, stimola l’intelligenza e favorisce la concentrazione
- è una fonte di antiossidanti naturali
- aiuta a sopportare gli sforzi fisici
- può contribuire a ridurre i rischi di alcune malattie
- può contribuire ad eliminare i grassi

Esistono altri benefici non riconducibili direttamente al caffé, ma all’atmosfera positiva d'interazione e socializzazione che si crea durante la pausa caffè che sia essa al bar o alla macchinetta.

Ad affermarlo è una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università di Copenaghen, guidati dalla dottoressa Pernille Strøbaek, che osservando gli effetti sociali e psicologici della pausa caffè ne hanno individuato tutti i benefici, definendola uno dei fattori più importanti sul posto di lavoro.

Scopriamo insieme i perchè:

Aumenta la socializzazione

L’aspetto più importante della pausa caffè è il fatto che favorisce la socializzazione tra colleghi. Durante la pausa caffè infatti si scambiano parole, idee, pensieri e si beve un sorso, altre parole, ancora un sorso e poi un altro ancora.
Si parla di tutto: sport, vacanze, politica, lavoro, viaggi.

Fare due chiacchiere con il vicino di scrivania o con il collega di un altro reparto, aiuta ad approfondire le conoscenze, ad instaurare nuovi rapporti ed a creare un ambiente di lavoro sereno e rilassato.

Questo vale soprattutto per i “nuovi arrivati” che trovano durante la pausa caffè un'atmosfera più informale e favorevole all’inserimento nel gruppo.

Favorisce la collaborazione

La pausa caffè è anche un ottimo momento per fare il punto della situazione su questioni o problemi aziendali, in un clima più rilassato rispetto ad una riunione o all’ufficio.

Al distributore automatico si crea un vero e proprio scambio di competenze e di informazioni che aiuta a rafforzare lo spirito di gruppo, la solidarietà tra colleghi e la collaborazione nel superare le difficoltà.

Allevia il nervosismo

Alzarsi dalla scrivanie ed allontanarsi per qualche minuto da carte, computer e telefono allevia lo stress e allenta le tensioni, bastano pochi minuti di chiacchiere con i colleghi per sfogare il nervosismo e tornare ai propri compiti con più motivazione e concentrazione.

Fa bene al fisico

Restare troppe ore seduti alla scrivania, lavorando ininterrottamente, non fa bene al nostro corpo e alla nostra mente.

Rilassarsi per qualche minuto, sgranchirsi le gambe e fare due passi fino alla macchinetta, ci consente di riattivare la circolazione e staccare gli occhi dallo schermo del computer, aiutandoci a vivere meglio la giornata lavorativa.

Ma qual è il momento giusto per il caffè?

Se prendiamo in considerazione gli effetti della caffeina sul corpo, l'ra X dipende dalla produzione del cortisolo.

Tra le 8 e le 9 (un’ora circa dopo la sveglia) è alle stelle quindi il nostro livello di allerta e concentrazione è già alto ed un caffè potrebbe essere inutile. Meglio quindi sorseggiarlo tra le 9.30 e le 11 quando il cortisolo è in calo ed abbiamo bisogno di un aiuto in più.

Se invece consideriamo l’aspetto sociale della pausa caffè, lo studio danese rivela che il modo ideale per ricaricarsi è effettuare delle pause di breve durata, ma ripetute durante l’intera giornata lavorativa.

Quindi se un tempo cinque minuti di chiacchiere alla macchinetta venivano considerati una perdita di tempo, oggi la pausa caffè ha acquistato un nuovo valore, anche agli occhi di titolari e dirigenti.

 

Fonte: https://specialcoffee.it/pausa-caffe-si-grazie/