Spedizioni gratuite con ordine minimo di €80   -   Ritira gratuitamente presso i nostro store

Bisio Progetti vince la causa con Nestlé sulle compatibili Dolce Gusto

Pubblicato:  05 August 2019
Bisio Progetti vince la causa con Nestlé sulle compatibili Dolce Gusto

Verdetto storico pronunciato dai giudici del Tribunale di Milano, chiudendo una vertenza che si trascinava dal dicembre del 2016.

Bisio Progetti fa parte del gruppo industriale Guala

Produce stampi per stampaggio ad iniezione di materie plastiche in ambito farmaceutico, medicale cosmetico ed alimentare. Progetta e produce anche capsule per caffè e bevande solubili. Tre anni fa si è rivolta al Tribunale di Milano, sezione specializzata in materia di impresa, per far causa nei confronti della Nestlé.

“Si trattava – spiegano i legali della Bisio Alberto Camusso e Chiara De Cesero, dello studio Jacobacci e Associati di Torino – di un’azione di accertamento negativo della contraffazione dei brevetti. Uno strumento utile ed efficace per le imprese che vogliono superare situazioni d'incertezza circa la legittimità dei loro prodotti, in modo da poter pianificare correttamente la produzione. Ed evitare a se stesse ed ai propri clienti contestazioni future e possibili attacchi giudiziari”.

I legali hanno chiesto ai giudici di verificare che le capsule per caffè e bevande solubili prodotte ed attualmente commercializzate da Bisio Progetti, pur essendo compatibili con il sistema Dolce Gusto di Nestlé, non ne costituissero una contraffazione, come sosteneva la Nestlè. Ne è nato un lungo dibattito giudiziale.

Il Tribunale ha disposto un'approfondita analisi tecnica, affidandola ad un collegio di tre consulenti nominati dal giudice. Il 14 gennaio scorso è stata emessa l’ordinanza. I giudici hanno accolto integralmente la tesi di Bisio Progetti accertando che le sue capsule non violano i brevetti Nestlé.

La Nestlé non si è arresa e si è appellata contro l’ordinanza di primo grado.

Ma anche questa volta ha perso. Il 12 luglio 2019 il collegio di Giudici del Tribunale di Milano ha rigettato il reclamo della multinazionale, confermando integralmente l’ordinanza cautelare del gennaio 2019. E ribadendo che la capsule Bisio attualmente in commercio non violano i brevetti della Nestlé, che è stata anche condannata al pagamento delle spese processuali. Decisione definitiva perché l’ordinanza di reclamo non è impugnabile.

 

Fonte: https://www.comunicaffe.it/bisio-progetti/